Selecciona una palabra y presiona la tecla d para obtener su definición.
Indice


 

41

Le poesie di Manuel Gutiérrez Nájera furono raccolte da Justo Sierra, e pubblicate postume nel 1896. Un'edizione moderna è curata da F. González Guerrero, Poesías completas, 2 voll., México, 1953, per la «Colección de Escritores mexicanos» della Editorial Porrúa. Cfr. ivi il vasto «Prólogo» del curatore.

 

42

F. Meregalli, Gli Iniziatori del Modernismo, op. cit., p. 28.

 

43

P. Henríquez Ureña, Las Corrientes Literarias en la América Hispánica, op. cit., p. 171.

 

44

Cfr. A. Castro Leal, op. cit., p. VIII.

 

45

F. Meregalli ha avvicinato Tristissima Nox al poemetto famoso Sobre el cultivo del maíz, del colombiano Gregorio Gutiérrez González (1826-1872) e, attraverso questo, alle Georgiche virgiliane, ma ha notato la fedeltà del poeta al gusto spagnolo del contrasto, al senso di un grottesco e deforme di marca goyesca, e nello stesso tempo alle figurazioni dei mostri aztechi (Cfr. Gli Iniziatori del modernismo, op. cit., pp. 11-13).

 

46

F. Meregalli, che ha definito questa lirica «una delle cose più vivaci e intelligenti -e più lontane dalla sensibilità spagnola, più francesi- della lirica ispanoamericana dell'Ottocento». (Cfr. Gli Iniziatori del Modernismo, op. cit., p. 20), ha pensato a F. Coppée, come modello ispiratore di París, 14 de julio (ivi, p. 19, nota 1).

 

47

Intorno a Nájera si veda anche lo studio di A. M. Nell Walker, The Life and Works of M. G. N., in «The University of Missouri Studies. A Quarterly of Research», vol. II, n. 2 april 1927, e i più recenti lavori di M. Candano, M., Gutiérrez-Nájera, precursor del Modernismo en México, México, 1931, e di G. Carter, M., Gutiérrez-Nájera: Estudios y escritos inéditos, prologato da E. K. Mapes, México, 1956.

 

48

Con gusto barocco dei contrasti A. Capdevila ha definito per il suo atteggiamento J. del Casal «Peligroso joven viejo», pericoloso per questa vecchiaia che la sua lirica esprime, per lo sconforto e il pessimismo, per la visione dolorosa di sé, e perchè questa sua condizione spirituale l'espresse in modi talmente musicali e suggestivi che avrebbe potuto giungere a contaminare le giovani generazioni (Cfr. op. cit., p. 26). Curioso modo di giudicare la poesia, questo, e del tutto fuor di luogo quel sospiro di sollievo del critico nel constatare (ivi, p. 33) che fortunatamente la sua poesia non contagiò i poeti d'America «tan necesitada de ser fuerte», né vi fu più poeta «que a semejantes fantasmas cantase».

 

49

A. Capdevila, op. cit., p. 33.

 

50

B. Sanín Cano, Letras Colombianas, México, 1944, p. 183.

Indice